• Eurovolleyschool serie D
    Eurovolleyschool serie D
    Futuro
    Futuro

    .

    First Link                                   Second Link

ti piace la pallavolo TI ASPETTIAMO in palestra

Ciao, prova la pallavolo con noi :

Palestra Scuola media G. Brunner ( Roiano-Greta-Barcola)

minivolley- annate 2012-2011-2010-2009-2008

Ragazzi/e palestra Liceo G. Galilei  martedì-giovedì ore 18.00-19.30

Ragazze palestra Liceo G. Galilei     lunedì-mercoledì-venerdì ore 18.00-19.30

RAGAZZI pales. I. A. Volta  lunedì-mercoledì-giovedì ore 18.00-19.30

Sai già giocare e hai un’età compresa tra il 2000 e il 2007 puoi provare con un gruppo che partecipa al campionato Regionale di serie D.

Chiama al 348-8841858

Un po’ di Brasile all’Eurovolleyschool

 PALLAVOLO E CAPOEIRA

Abbiamo voluto contaminare il gioco della pallavolo con la capoeira coniugando danza-arti marziali e pallavolo. Non tutti sanno che la capoeira nasce in Brasile alla fine del XVIII secolo nella comunità degli schiavi neri africani deportati nelle colonie portoghesi. Inizialmente, si trattava di una forma espressiva utilizzata dai neri per comunicare fra loro e combattere l’oppressione senza attirare l’attenzione dei bianchi. Per lungo tempo repressa, oggi la capoeira è autorizzata e riconosciuta ufficialmente. La capoeira è un gioco che si pratica essenzialmente in uno spazio circolare (la ronda) formato da un numero indefinito di persone che cantano e battono il ritmo. Due giocatori (partner/avversari) si muovono all’interno della ronda eseguendo una danza che rappresenta una storia di combattimento fisico: non si lotta l’uno contro l’altro, bensì uno con l’altro (alleanza). D’altronde, in questo gioco nessuno vince e nessuno perde. Ci sono solo due persone che si incontrano per divertirsi. A livello gestuale, troviamo da una parte delle tecniche di difesa e di attacco e, dall’altra, dei movimenti espressivi e acrobatici che danno vita ad una sorta di combattimento ritualizzato. Il nostro proposito è di sviluppare/migliorare i gesti della pallavolo all’interno di un contesto di movimento  multidisciplinare.  Sicuramente le nostre giovani atlete si divertono e apprendono nuovi movimenti creando forme di alleanza, elemento fondamentale per la costruzione di un gruppo vincente.

U13F Siamo in finale Regionale

Dal Piccolo

L’Eurovolleyschool U13 all’ultimo atto regionale

TRIESTE . Gran finale di stagione sul versante giovanile per il sodalizio di pallavolo triestino dell’Evs. L’Eurovolleyschool ha difatti vinto il titolo territoriale (della Venezia Giulia) dell’under…

TRIESTE . Gran finale di stagione sul versante giovanile per il sodalizio di pallavolo triestino dell’Evs. L’Eurovolleyschool ha difatti vinto il titolo territoriale (della Venezia Giulia) dell’under 13 femminile, al termine delle finali disputate negli impianti sportivi di Ronchi dei Legionari e Vermegliano, superando con un rotondo 3-0 (16, 9, 24) le padrone di casa dell’Ati Nordest, dopo aver sconfitto nella semifinale del mattino la Virtus di Trieste. Compagine, quella virtussina, che aveva vinto il triangolare disputato a inizio maggio fra le vincenti dei gironi della fase precedente. Le giovanissime del duo tecnico Vascotto-Sparello hanno fornito eccellenti prestazioni in entrambi gli incontri, conquistati entrambi al netto di set persi e con un complessivo 6-0 finale. Dimostrando grande determinazione e attenzione in tutte le fasi di gioco (oltre ad un’ottima organizzazione in campo), tutti fattori che sono risultati di vitale importanza per commettere pochissimi errori e portare quindi a casa un risultato di prestigio, e che lascia ben sperare per il futuro. Solamente nell’ultima frazione della finale, contro l’Ati, le biancorossonere hanno abbassato un po’ il ritmo, sia per un’inevitabile stanchezza dopo cinque set di alto livello, sia per i meriti della compagine di casa, le cui ragazze hanno dato fondo a tutte le residue energie per cercare di rimettere in discussione il risultato finale. Non vanno poi dimenticate le condizioni climatiche nelle quali si è giocato, con l’impianto di Ronchi più simile ad una sauna che ad una palestra. Ora per l’Evs ci sono all’orizzonte le finali regionali che si disputeranno in quel di Gradisca d’Isonzo nei prossimi giorni, con le vincenti le fasi territoriali di Udine e di Pordenone. Per la prima classificata ci sarà poi, la domenica successiva, il Torneo Interregionale “Pallavolo Domani” a Rovereto. Questa la rosa di Evs Trieste: Baianca Beltrame, Caterina Bonetti, Lara Cernecca, Raffaella De Poli, Chiara De Vidovich, Anita Milosevic, Eleonora Peres (cap), Alice Petz, Carolina Vigini. All. Vascotto e Sparello. (a. tris.)

Chiusura in grande stile nel campionato Regionale maschile U13-3×3

  

Chiusura in grande stile per le nostre due formazioni impegnate dallo scorso mese di febbraio nel campionato regionale maschile di u.13 3×3: domenica scorsa si sono giocati, infatti, i gironcini che assegnavano, rispettivamente, le posizioni dal 1° al 4° posto, dal 5° all’8° e dal 9° al 13°. Ebbene i nostri “piccoli” pallavolisti si sono aggiudicati due ottime posizioni finali, classificandosi al secondo e al sesto posto dando prova di grande impegno per tutta la durata della manifestazione. Va sottolineato che, vista l’età, per molti di loro si è trattato della prima esperienza agonistica in assoluto e il risultato assume ancora maggio rilevanza tenendo conto dell’eccellente livello tecnico messo in mostra da tutte le squadre partecipanti.
Un grandissimo applauso a tutti e……FAIR PLAY VOLLEYBALL WAY!!

COMUNICATO STAMPA A.S.D. EUROVOLLEYSCHOOL

COMUNICATO STAMPA ASD EUROVOLLEYSCHOOL

Facendo seguito ai provvedimenti disciplinari di cui al Comunicato Ufficiale no.16emesso dal Giudice Sportivo Territoriale del Comitato Trieste-Gorizia e relativi alla partita del campionato u.14 femminile Aiello&Partners Coselli-Eurovolleyschool u.14f del 7 marzo scorso, desideriamo con la presente puntualizzare che, pur rinunciando ad un ricorso al grado superiore avverso le sanzioni ricevute, da parte del nostro staff tecnico non è stata proferita alcuna frase offensiva all’indirizzo dell’arbitro né durante né a fine partita. Primo allenatore, dirigente accompagnatore e capitano della squadra (e tutte le altre giocatrici) lo hanno salutato come si conviene alla fine di ogni incontro senza entrare né in polemica né in apprezzamenti sul suo operato. Risulta altresì che lo stesso direttore di gara si sia diretto verso i componenti del nostro staff tecnico che si stavano accingendo ad abbandonare il campo di gioco invece di recarsi verso il tavolo del segnapunti per la chiusura del referto di gara, con non si comprende quale obiettivo. Dobbiamo sicuramente rammaricarci che alcune persone al seguito abbiano reagito in modo scomposto e poco educato di fronte ad alcune decisioni arbitrali, pur se va riconosciuto che i sostenitori della compagine di casa non hanno certamente fatto del fair play la propria bandiera, cercando sin dall’inizio di condizionare in modo chiassoso a proprio vantaggio le decisioni del direttore di gara. Un tanto a salvaguardia dell’immagine di Eurovolleyschool, società che ha sempre fatto di correttezza e lealtà propri capisaldi dentro e fuori gli impianti di gioco. Nell’esprimere a tutte le componenti societarie (atlete, staff tecnico e dirigenziale) il proprio incitamento a continuare con impegno e determinazione il lavoro volto al raggiungimento di risultati di rilievo, si auspica che vengano evitate da tutte le parti ulteriori polemiche e comportamenti che poco hanno a che vedere con lo sport.

Il Presidente